Distretto Produttivo Pugliese dell'Edilizia Sostenibile

Comunicati Stampa

ANCE Puglia promotore del distretto produttivo dell’edilizia sostenibile.Salvatore Matarrese: «Sinergie tra imprese, mondo della ricerca e della formazione per un nuovo modo di costruire in Puglia, rispettoso dei principi dell’edilizia sostenibile»

Un distretto produttivo per diffondere una nuova cultura del progettare e del costruire rispettosa dell’edilizia sostenibile, in grado di migliorare il benessere abitativo e ottimizzare l’utilizzo delle risorse. E’ questo il distretto che l’ANCE Puglia - organismo regionale dell’ANCE – sta promuovendo affinché ne venga riconosciuta l’istituzione dalla Regione Puglia.
Il distretto per l’edilizia sostenibile rappresenterebbe un polo strategico di eccellenza per il sistema produttivo delle costruzioni pugliese mirando ad un nuovo approccio nell’arte del costruire, compatibile con l’ambiente e con le identità storico-culturali del territorio. In particolare, i principi ispiratori del distretto mirano a promuovere e sperimentare realizzazioni edilizie che privilegino materiali eco-compatibili e sistemi in grado di migliorare gli standard qualitativi attuali contribuendo al miglioramento del comfort abitativo e alla riduzione dei consumi di risorse ambientali.
Al progetto di distretto aderiscono 150 realtà tra cui imprese edili e produttori di materiali - il cui fatturato complessivo 2007 è stato di 430 milioni per un’occupazione di 5.400 unità –  centri di ricerca  tra cui CETMA ed ENEA, sindacati, associazioni di categoria, ordini professionali, l’Istituto per la Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale, scuole di formazione professionale tra cui Formedil ed Universus, istituti di credito, Università e Politecnico di Bari.
Lo sviluppo delle attività del distretto sarà agevolato dalla normativa regionale, in particolare dalla legge sull’abitare sostenibile recentemente approvata, e dal sistema di certificazione regionale della sostenibilità energetica e ambientale degli edifici. Tra le azioni prioritarie del distretto la costituzione di reti di imprese del settore che cooperino per sviluppare la qualità costruttiva, l’adozione di strategie di recupero del territorio e degli edifici per innalzare la qualità della vita dei suoi abitanti, la formazione di nuove figure professionali specializzate nel settore, la ricerca scientifica e l’innovazione tecnologica nel settore edile, nonché la sensibilizzazione e la promozione dell’edilizia sostenibile sul mercato.
«Contiamo molto sul riconoscimento di questo distretto – sottolinea il presidente dell’ANCE Puglia, Salvatore Matarrese – che consentirebbe un’innovazione straordinaria nel mondo pugliese delle costruzioni. Un distretto dell’edilizia sostenibile a livello regionale offrirebbe un’irripetibile opportunità per mettere in rete e valorizzare le sinergie tra tutti gli attori del sistema produttivo edile, centri di ricerca, scuole di formazione e mondo universitario con l’obiettivo di tracciare insieme il percorso per un’edilizia sostenibile e di qualità in Puglia».
« Indietro