Distretto Produttivo Pugliese dell'Edilizia Sostenibile

Obiettivi generali

Nella predisposizione del Programma di Sviluppo del Distretto si è cercato di pervenire a pochi obiettivi, sufficientemente rappresentativi di quelli originariamente individuati in fase di costruzione del Protocollo d’Intesa ed in grado di agevolare la determinazione di linee d’intervento puntuali, efficaci e coerenti.
L’insieme degli obiettivi qui indicati è il frutto, da un lato, di un’analisi di contesto condotta in modo approfondito e, dall’altro, dei contributi emersi e condivisi nelle riunioni del Comitato di Distretto e nelle proposte progettuali avanzate dagli aderenti al Distretto medesimo.
C’è la consapevolezza che le possibilità di successo nel perseguire gli obiettivi di crescita ed innovazione passino dalla convinzione che i processi innovativi di crescita non possano determinarsi come mera sommatoria di singoli interventi frammentati. Solo il disegno di un quadro chiaro degli obiettivi e delle interdipendenze può favorirne il successo e questo comporta una consapevolezza sulla necessità, per la qualità del processo, di scelte molto selezionate ed onerose.
Il Programma di Sviluppo del Distretto intende dunque concentrarsi su pochi obiettivi decisivi, coerenti con le vocazioni del settore, con la programmazione regionale e con il ruolo che il distretto intende giocare a livello regionale ed internazionale.

Cooperazione e formazione per lo Sviluppo Sostenibile

Rafforzare la cooperazione fra le imprese del settore edile, e fra le stesse e le istituzioni, per migliorarne la competitività, in un quadro di sostegno alla formazione di nuove figure professionali.
Nel presente Obiettivo si punterà, in primo luogo, a promuovere l’innovazione e la competitività dei comparti manifatturieri e dei servizi verso segmenti di prodotto e di mercato a maggiore valore aggiunto e verso nuove specializzazioni manifatturiere connotate da più elevati livelli di tecnologia e di conoscenza.
In secondo luogo, si punterà a stimolare la qualificazione dell’offerta con la trasmissione di nuove conoscenze e la promozione e  sviluppo di nuove professionalità “miste”, sia tecniche che di mercato, in grado di  qualificare gli operatori del settore quali soggetti indispensabili a comprendere, diffondere e approfondire le tematiche delle fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della sostenibilità in edilizia e a livello urbanistico. Congiuntamente sarà necessario stimolare un coordinamento a livello nazionale per la realizzazione di un sistema di riconoscimento e certificazione delle competenze e dei livelli di professionalità raggiunti attraverso i percorsi formativi predisposti, al fine di garantire una spendibilità delle competenze a livello nazionale e potenzialmente europeo.
L’approccio sarà quello di coinvolgere e rendere partecipi Enti, Comunità ed imprenditori pugliesi interessati direttamente o indirettamente al mercato dell’edilizia.

Recupero del territorio e degli edifici

Attivare strategie condivise fra gli stakeholders del settore per promuovere qualità progettuale, riduzione degli impatti energetico-ambientali e miglioramento del comfort abitativo negli interventi edilizi.
Nel presente obiettivo si punterà sia ad implementare materiali e tecniche progettuali innovativi, sia a sperimentare usi innovativi dei materiali tradizionali, di impiantistica, edilizia ed arredamento. Gli edifici avranno certificazioni energetiche che ne determineranno i consumi, certificazioni di sostenibilità che ne determineranno il livello di qualità ambientale complessivo rispetto alla pratica costruttiva corrente ed avranno anche marchi di qualità per garantirne la realizzazione in bioarchitettura. L’approccio dovrà basarsi sul superamento della tendenza conservatrice per una maggiore apertura ad un mentalità architettonico-edilizia di qualità e benessere, puntando al recupero della propria identità territoriale.
Sarà incentivato sul territorio pugliese lo sviluppo di prototipi di edifici ad alte prestazioni energetico-ambientali e soluzioni ICT per un consumo energetico efficiente. L’intervento riguarderà sia la riqualificazione di edifici esistenti, sia la realizzazione di edifici ex-novo con differenti destinazioni d’uso.
Anche le problematiche legate all’uso razionale delle risorse idriche costituiranno oggetto di azione finalizzata a ridurre gli sprechi ed aumentare l’efficienza d’utilizzo. Il culmine delle diseconomie è rappresentato dalle perdite, che in Puglia (40%) sono ben superiori alla media nazionale (30%), rappresentando quindi uno spreco di una risorsa naturale oltre che un aggravio di costi per utenti ed enti distributori.
L’approccio sarà, anche in questo caso, quello di coinvolgere e rendere partecipi Enti, Comunità ed imprenditori pugliesi interessati direttamente o indirettamente al mercato dell’edilizia.

Ricerca ed Innovazione

Promuovere la ricerca industriale e l’innovazione tecnologica finalizzata ad implementare l’edilizia sostenibile sia nel settore edile che in quelli affini della produzione di materiali, componenti, sottosistemi, sistemi ed impianti.
Nel presente Obiettivo si punterà ad elevare la domanda e la propensione delle imprese ad investire in Ricerca ed innovazione stimolando essenzialmente la ricerca nei settori tradizionali e puntando quindi su servizi e materiali innovativi.
Da un punto di vista contenutistico, l’obiettivo potrà essere raggiunto sviluppando nuovi materiali e tecnologie ad elevata efficienza energetica e basso impatto ambientale, soluzioni innovative per la produzione di energia da fonti rinnovabili, soluzioni ICT ed impiantistiche per un consumo energetico efficiente, per la mobilità sostenibile nei quartieri, e per il monitoraggio strutturale.
Un ruolo fondamentale nel raggiungimento del presente obiettivo sarà svolto dagli organismi di ricerca, sia pubblici che privati, che dovranno interagire con le imprese supportandole nella ricerca e guidandole verso risultati dotati di reali e concrete prospettive di industrializzabilità.